Categorie

annullamento compravendita immobile

L’acquisto di una casa può essere annullato

E’ possibile l’annullamento della compravendita dell’immobile?

L’acquisto di una casa può sembrare (burocraticamente parlando) un procedimento di pochi passaggi.

Infatti i passaggi Burocratici per l’acquisto di una casa sono:

  • la proposta,
  • il compromesso
  • il rogito. 

Ma se ad un certo punto si volesse tornare indietro?

Se si volesse annullare l’acquisto della casa? E in che fase specifica?

Per esempio prendiamo il caso dell’acquirente che vuole tornare indietro dopo aver firmato il contratto preliminare, quindi durante la fase del compromesso. E’ possibile l’annullamento della compravendita dell’immobile?

SI, ma solo in determinate situazioni.

Annullamento

Il preliminare di vendita ha scopo di tutela di ambe le parti coinvolte, le vincola alla chiusura della transazione, al Rogito.

Per definirlo valido deve essere redatto in forma scritta e registrato entro 20 giorni presso l’Agenzia delle Entrate.

Quando si può annullare?

Se al momento della chiusura si sia verificato un raggiro, un dolo oppure violenza fisica o psicologica, o ancora, nel caso in cui ci sia incapacità di una delle due parti che hanno stipulato l’accordo.

Se vuoi approfondire l’argomento consigliamo di cliccare QUI

Risoluzione consensuale

Nel caso in cui il Venditore accetti l’annullamento, quindi ci sarà la firma di un accordo scritto in cui verranno stabiliti i termini dell’annullamento, decidendo anche sul da farsi riguardo la caparra già versata, se lasciarla al venditore o effettuare il reso. Ma ovviamente non sempre accade, lo scenario opposto è che il venditore si rivolga ad un giudice.

Terzo scenario ipotizzabile è nel caso in cui non venga raggiungo un accordo

Il Venditore può decidere di trattenere la caparra versata senza rivolgersi al giudice. l caso in cui non si raggiunga un accordo,

Infatti è il motivo per cui esiste la caparra: è una tutela per il venditore a cui può fare riferimento in caso di annullamento non dovuto a validi motivi.

E’ diritto del venditore rivolgersi al tribunale di competenza chiedendo la risoluzione del contratto e un risarcimento del danno subito o il trasferimento coattivo della proprietà della casa.

Optimized with PageSpeed Ninja